http://www.quotidianosanita.it/

Il decreto scuola è legge. Per medici, odontoiatri, infermieri e farmacisti impegnati nell’emergenza, crediti Ecm 2020 si considerano già acquisiti

, , , ,

I 50 crediti Ecm da acquisire per l’anno 2020 per medici, odontoiatri, infermieri e farmacisti dipendenti e liberi professionisti si intendono quindi già maturati per tutti coloro che hanno continuato a svolgere la propria professione in questi mesi di emergenza. Per gli esami di Stato di abilitazione all’esercizio delle professioni di odontoiatra, farmacista, veterinario, tecnologo alimentare, si apre alle modalità a distanza. È quanto previsto dall’articolo 6 del decreto approvato oggi dalla Camera in via definitiva. IL TESTO

06 GIU – Con 245 voti favorevoli e 122 contrari la Camera ha definitivamente convertito in legge il decreto per la conclusione dell’anno scolastico, l’avvio del prossimo e lo svolgimento degli esami di maturità.

Per medici, odontoiatri, infermieri, veterinari e farmacisti previste alcune novità in tema di Ecm e modalità di svolgimento dell’esame di Stato.

I 50 crediti da acquisire, per l’anno 2020, da medici, odontoiatri, infermieri e farmacisti in qualità di dipendenti delle aziende ospedaliere, delle università, delle unità sanitarie locali e delle strutture sanitarie private accreditate o come liberi professionisti, attraverso l’attività di formazione continua in medicina (Ecm), si intendono già maturati da coloro che, in occasione dell’emergenza da Covid-19, abbiano continuato a svolgere la propria attività professionale.

Inoltre, qualora necessario a causa del protrarsi dell’emergenza Covid-19, per gli esami di Stato di abilitazione all’esercizio delle professioni di odontoiatra, farmacista, veterinario, tecnologo alimentare, si apre alle modalità a distanza.

Il testo impegna dunque il Governo a far sì che i 50 crediti Ecm da acquisire per l’anno 2020, si intendano già maturati per tutti gli operatori sanitari che hanno continuato a svolgere la propria professione in questi mesi di emergenza Covid-19, e non solo per medici, odontoiatri, infermieri e farmacisti come invece previsto dal testo del decreto.

06 giugno 2020
© Riproduzione riservata

Corso Fad Ecm “Covid-19: uno “tsunami” per la presa in carico dei pazienti con patologie cardio-polmonari”

,

Corso Fad Ecm per tutte le professioni sanitarie. Crediti ecm 3.6. Online dal 19 maggio, valido fino a 31 dicembre 2020. Ore formative stimate 2

Gli studi scientifici via via sempre più numerosi e le esperienze che stanno quotidianamente maturando sul campo dimostrano come l’infezione da SRAS-CoV-2 sia ben lungi da poter essere considerata una mera problematica respiratoria.

Il coinvolgimento del sistema cardiovascolare specialmente in presenza di comorbilità è un aspetto cruciale nell’aggravamento del quadro clinico del paziente con COVID-19.

E’ sempre più evidente che la patologia si caratterizzi sia per l’interessamento endoteliale, con innesco di fenomeni trombotici, sia per lo sviluppo di fenomeni fibrotici che comportano l’insorgenza di quadri clinici complessi che diventano ancor più gravi in alcune tipologie di pazienti come quelli con malattie del tessuto connettivo, con patologie polmonari o con gravi alterazioni cardiovascolari di base.

La complessità di gestione di questa nuova patologia infettiva ha d’altronde avuto anche un impatto sull’assistenza ospedaliera tale da aver comportato la necessità di un ripensamento profondo dell’organizzazione dei reparti con grave ripercussione sull’assistenza ambulatoriale dei pazienti, specialmente di quelli con patologie più rare.

Per poter partecipare al corso CLICCA QUI

Redazione Nurse Times

Covid. Corso Ecm gratuito contro il Burnout per i professionisti sanitari con patrocinio Fnomceo, Fnopi, Fnopo e Tsrm-Pstrp

,

Si chiamerà ABCDE. Il corso sarà accessibile dal 15 maggio dai siti istituzionali delle quattro Federazioni, per gli operatori iscritti, perché questi possano evitare danni successivi a se stessi e ai pazienti e rappresenta, come lo ha definito il suo ideatore, un vero e proprio “Dpi psicologico”, sottolinea una nota, per qualunque sanitario lavori in area critica.

13 MAG – Burnout e stress psico-fisico, durante l’emergenza Covid-19 hanno colpito tra il 30 e il 50% degli operatori sanitari e a fine pandemia potranno lasciare tracce indelebili. Provocano irritabilità, difficoltà ad addormentarsi la notte, tensioni muscolari, stress lavorativo con minore resa sul lavoro, affaticamento fisico e mentale, cattiva salute.

Secondo il Centro di Ricerca EngageMinds HUB dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, che ha da poco condotto uno studio sul fenomeno, il 45% del campione studiato ha avvertito frequentemente nell’ultimo mese almeno un sintomo di stress psico-fisico: il 70% si è sentito più irritabile del normale, il 65% ha avuto maggiori difficoltà ad addormentarsi, poco meno del 50% ha sofferto di incubi notturni, il 45% ha avuto crisi di pianto e il 35% palpitazioni. Inoltre, un operatore su tre mostra segni di alto esaurimento emotivo (la sensazione di essere emotivamente svuotato, logorato ed esausto) e uno su quattro moderati livelli di depersonalizzazione (ovvero, la tendenza a essere cinico, trattare gli altri in maniera impersonale o come “oggetti”, sentirsi indifferente rispetto ai pazienti e ai loro familiari).

È per questo che è stato ideato da Massimo Picozzi, psichiatra, criminologo, saggista e Faculty Fellow Sda Bocconi, già noto per aver realizzato, con successo di partecipazione e di risultati, il corso per medici e infermieri per prevenire la violenza sugli operatori sul posto di lavoro, il nuovo progetto A.B.C.D.E. (Attenzione, Burnout, Compassion fatigue, Disturbo post traumatico da stress …E oltre) che sarà offerto gratuitamente ai professionisti della sanità in prima linea nella guerra contro Covid-19 in Italia.

Hanno dato il loro patrocinio all’iniziativa la Fnomceo, la Fnopi,la Fnopo, e la Federazione Tsrm Pstrp.

Il corso sarà accessibile dal 15 maggio dai siti istituzionali delle quattro Federazioni, per gli operatori iscritti, perché questi possano evitare danni successivi a se stessi e ai pazienti e rappresenta, come lo ha definito il suo ideatore, un vero e proprio “Dpi psicologico”, sototlinea una nota, per qualunque sanitario lavori in area critica.

“I professionisti sanitari – spiega Picozzi – sono esposti a grandi pressioni su più fronti: da un lato l’etica e la deontologia professionale, l’impegno verso i propri pazienti e la frustrazione di non riuscire a curarli, di non riuscire a lenire le loro sofferenze; dall’altro, forte preoccupazione per la propria salute e per quella dei propri cari. Parallelamente, si assiste a una rivalutazione del ruolo dei professionisti della salute: se prima della pandemia da Covid-19 erano trattati con poco rispetto e considerazione, oggi vengono chiamati “eroi”, grazie a un processo di idealizzazione tanto comprensibile quanto superficiale”.

Gli obiettivi del corso, articolato su cinque lezioni che danno 10 crediti Ecm sono quelli di individuare strategie finalizzate a prevenire, riconoscere e gestire le varie forme di disagio psicologico che possono manifestarsi nei contesti sanitari e sociosanitari che si trovano a gestire l’emergenza Covid-19. Ma anche definire il burnout, riconoscendone i sintomi, acquisire conoscenze rispetto alla sindrome Compassion Fatigue e i sintomi attraverso i quali si manifesta e individuare i fattori che concorrono allo sviluppo del disturbo post traumatico da stress (Ptsd) ed i relativi sintomi.

13 maggio 2020
© Riproduzione riservata

Corso FAD. Trasmettere dati e documenti sanitari in emergenza COVID-19. Sicurezza e privacy.

,

Corso FAD: prevenzione e controllo dell’infezione da SARS-COV2 in strutture residenziali e sociosanitarie.

,

Sospensione delle attività congressuali dal 5 maggio al 17 maggio 2020.

,

Ordine delle Professioni Infermieristiche Lecce

Si avvisano tutti gli iscritti agli Albi degli Infermieri e Infermieri Pediatrici dell’OPI di Lecce che a seguito dell’emergenza coronavirus e delle conseguenti misure adottate dal Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM del 04 marzo 2020, del 01 aprile 2020 e del 26 aprile 2020) i convegni organizzati da quest’OPI, previsti dal 5 maggio fino a tutto il 17 maggio p.v. fatte salve nuove decisioni da parte delle Autorità Nazionali, Sanitarie e Regionali, sono stati annullati.

In relazione all’evolversi della situazione, sarà nostra cura comunicare la ricalendarizzazione degli eventi.

Corso FAD Covid-19 Organizzato da ASL LE – OPI Lecce e OMCEO Lecce

,

Corso sul paziente critico

Il paziente Critico in sala operatoria: Responsabilità e ruolo Infermieristico

Apri Comunicazione

Corso sul paziente urologico

Percorsi assistenziali per il paziente urologico: competenze e responsabilità professionali

Apri Comunicazione