http://www.ipasvi.it

Contratto, la Fnopi scrive ad Aran, Comitato di settore, Presidenza del Consiglio e ministri di Salute e Pa

22/03/2018 – Nella lettera si riaffermano cinque principi (dignità professionale, contratto coerente con lo sviluppo della professione, regole di riferimento funzionali alle potenzialità professionali, necessità di valorizzazione economica in base alla responsabilità, pari opportunità professionali) e si fanno proposte su tre argomenti: classificazione professionale, definizione degli incarichi di funzione, organizzazione del lavoro. LA LETTERA 

La Fnopi, Federazione nazionale Ordini delle professioni infermieristiche, interviene sulla preintesa del contratto. E lo fa nella sua veste di ente pubblico che come ente sussidiario dello Stato deve tutelare gli interessi garantiti e connessi all’esercizio professionale, senza per questo  “usurpare prerogative previste dall’ordinamento ad altri”.

Lo strumento è una lettera inviata ai vertici Aran e del Comitato di settore, al presidente del Consiglio e ai ministri della Salute e della Pubblica amministrazione in cui si riaffermano cinque principi:

  1. la dignità dell’attività professionale infermieristica;
  2. la necessità di strumenti, come quello contrattuale, coerenti con lo sviluppo della professione. In particolare ci si riferisce alla parte relativa  all’ordinamento professionale il cui contenuto deve essere congruente con le norme e il codice deontologico che definiscono gli ambiti e l’attività che lo Stato – con apposite norme – ha riconosciuto agli infermieri, al verificarsi di date condizioni;
  3. la necessità di regole di riferimento, come quelle contenute nella parte normativa del contratto, che possano facilitare o siano di supporto alla declinazione operativa delle potenzialità professionali;
  4. la necessità di riscontri anche di valorizzazione economica, contenuti nella parte“trattamento economico” del contratto. Ciò per un giusto riconoscimento della responsabilità esercitata e giuridicamente affermata, dal professionista infermiere nell’attività assistenziale, ma anche in quella connessa ad eventuali incarichi di tipo gestionale e organizzativi;
  5. le pari opportunità, come sancite dalla carta costituzionale, per  tutti  i professionisti del Ssn classificati, per professionalità, responsabilità e soprattutto per le finalità della loro attività, nel ruolo sanitario. Ci si riferisce al diritto della libera professione riconosciuta ad alcuni professionisti, ma non agli infermieri.

Motivo dell’intervento è che le previsioni normative contenute nel contratto, in particolare per la parte relativa all’organizzazione, non possono non valorizzare l’esperienza e la competenza acquisita nel tempo dai professionisti impegnati nella “difficile quanto fondamentale  attività a valenza organizzativa”.

Tre le proposte Fnopi.

La prima riguarda il sistema di classificazione professionale che non va bene secondo il criterio di “area prestazionale” perché allontana la presa in carico del paziente e quindi “si chiede di non procedere nell’inserimento nel sistema di altre sovra categorie che possono generare solo confusione nei ruoli”.

Importante secondo la Fnopi è codificare uno  sviluppo  dei  professionisti “orizzontale” ma anche “verticale”, in relazione alle aumentate responsabilità che il sistema richiede al personale infermieristico impegnato sia nella clinica che nell’organizzazione.

La seconda è sulla definizione degli incarichi di funzione che deve  essere  garantita  a  tutti  gli  infermieri  attualmente  in categoria D, ma anche Ds, mentre nella preintesa non è chiaramente esplicitata.

La funzione di coordinamento deve trovare una specifica previsione regolamentare in relazione all’articolazione aziendale e agli snodi organizzativi necessari per il raggiungimento di specifici obiettivi e si conferma la necessita degli incarichi professionali di professionista esperto specialista. La graduazione, dal punto di vista economico, dovrà tener canto della responsabilità delle due tipologie di incarichi e di cui la formazione stessa costituisce un chiaro elemento di differenziazione ( formazione regionale, master ai sensi della legge 43/2006). Per quanta riguarda il conferimento, poi, la Fnopi chiede che si mutuino le stesse regale utilizzate per l’attribuzione degli incarichi organizzativi  o professionali ai dirigenti sanitari: una nuova procedura selettiva rischia un dispendio di inutili energie oltre che generare un senso di frustrazione ai professionisti con cui l’azienda ha collaborato e ha condiviso la possibilità di raggiungere obiettivi definiti.

La terza riguarda l’organizzazione del lavoro. Fnopi è chiara: nessuna norma che direttamente o indirettamente porta alla disapplicazione del  Dlgs 66/2003 è accettabile. Se tale normativa è stata adottata a tutela della salute dei lavoratori, non può essere lo stesso Ssn che persegue la tutela della salute dei cittadini, a disapplicare le regole di organizzazione del lavoro che hanno questa finalità. E nulla è previsto per il fenomeno del grave problema delle idoneità con limitazioni, che sta assumendo una dimensione importante e in prospettiva non potrà che incrementare nella sua dimensione qualitativa e quantitativa.

E infine, l’obbligo  formativo per     disporre  di     professionisti   aggiornati  e  competenti,   non   può  riservare  ad alcuni dipendenti la possibilità di una riserva oraria (dirigenza sanitaria) e negarla ad altri pur sempre dipendenti. Se l’obbligo è comune, anche i mezzi per assolverlo devono essere identici.

IN ALLEGATO LA LETTERA INTEGRALE

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *