Covid. Il bollettino: i nuovi casi tornano a salire ma oltre il 65% viene dalla Lombardia

,

Rispetto a ieri i nuovi casi sono 584 (quasi 200 in più). Cresce anche il numero dei morti: sono 117 (ieri erano stati 78). Ma questi incrementi sono dovuti principalmente alla Lombardia che ha registrato da sola 384 nuovi casi e 80 decessi. Prosegue a livello nazionale il calo dei pazienti ricoverati in ospedale e in terapia intensiva così come quello degli attualmente positivi (-1.976). Oggi zero nuovi casi in Basilicata, Pa Bolzano, Umbria, e Marche. E altre 9 regioni con meno di 10 nuovi casi.

27 MAG – I casi di nuovo Coronavirus in Italia sono saliti a 231.139 (+584 rispetto a ieri pari al +0,3%), tra cui 147.101 persone guarite (+2.443 rispetto a ieri pari al +1,7%) e 33.072 deceduti (+117 rispetto a ieri pari al +0,4%). Le persone attualmente positive sono quindi 50.966 (-1.976 rispetto a ieri pari al -3,7%). Complessivamente sono stati effettuati 3.607.251 tamponi (+67.324 rispetto a ieri). Nello specifico le persone sottoposte a tampone sono state 2.290.551.

Questi i dati principali dell’aggiornamento odierno forniti dalla Protezione Civile. Il numero dei nuovi casi è in netta crescita rispetto a ieri così come il numero dei decessi: oggi sono 117 (ieri erano 78). Prosegue sempre la discesa anche per gli attualmente positivi e lo svuotamento degli ospedali. Ma i numeri di oggi sono da imputare alla Lombardia che ha registrato da sola 384 nuovi casi e 80 decessi. Al secondo posto il Piemonte che ha registrato 73 casi nelle ultime 24 ore, mentre al terzo c’è la Liguria con 39 nuovi casi. Oggi zero nuovi casi in Basilicata, Pa Bolzano, Umbria, e Marche. E altre 9 regioni con meno di 10 nuovi casi.

Delle persone attualmente positive (50.966) sono ricoverate con sintomi 7.729 (-188 pari a -2,4% rispetto a ieri), 505 (-16 pari a -3,1%) sono in terapia intensiva, mentre 42.732 (-1.772 pari al -4%) si trovano in isolamento domiciliare.

27 maggio 2020
© Riproduzione riservata

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *