http://www.quotidianosanita.it/

Microteam tra professionisti. Fnomceo: “Una nuova sfida con 20mila infermieri di famiglia a fianco dei medici”

,

Dopo il ministro Speranza, anche la Federazione degli Ordini dei medici apre alla proposta della Fimmg. Il presidente Anelli: “Il progetto rilancia l’assistenza territoriale quale primo mattone del Servizio Sanitario Nazionale, quello più prossimo al cittadino e inaugura un nuovo modello di collaborazione tra medici e infermieri che possono trovarsi a fare squadra anche sul territorio”.

10 OTT – Il “microteam” con medico di famiglia, infermiere e collaboratore di studio, con l’integrazione del medico di continuità assistenziale, proposto ieri al Congresso della Fimmg, la Federazione dei Medici di Medicina Generale, in corso a Villasimius (CA), incassa, dopo l’Ok del Ministro Speranza, anche quello degli Ordini dei Medici.

“L’idea del microteam coincide con l’idea che anche noi, come Ordine, abbiamo da tempo – spiega il presidente della Fnomceo, la Federazione degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri, Filippo Anelli -. L’idea di un vero lavoro di squadra, dove i professionisti operano in sinergia, esprimendo ciascuno le proprie competenze, nel rispetto del proprio ruolo”.

“Ha ragione il Ministro Speranza, quando dice che l’introduzione del microteam va nella direzione giusta – continua Anelli -. Non solo si creerebbero 20mila posti di lavoro per 20mila infermieri di famiglia, ma soprattutto si assicurerebbe ai cittadini un’assistenza completa e si consentirebbe agli ambulatori di erogare finalmente in maniera organica prestazioni diagnostiche di primo livello”.

10 ottobre 2019
© Riproduzione riservata

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *