http://www.quotidianosanita.it/

Obesità infantile: Italia tra i paesi europei ad alto rischio. Ecco i risultati dei due ultimi studi OMS

,

I paesi dell’Europa meridionale (Grecia, Malta, Italia, Spagna e San Marino) hanno avuto i più alti livelli di obesità grave, superiore al 4%, mentre la più alta prevalenza di obesità è stata osservata in Spagna (17,7%), seguita da Malta (17,2%) e Italia (16,8%). Italia, Malta e Spagna, inoltre, hanno mostrato la più alta prevalenza di obesità tra i bambini che non sono mai stati allattati al seno. Questi i risultati dei due studi di cui il nostro Iss ha dato alcune anticipazioni nei giorni scorsi.

02 MAG – Torniamo a parlare più in dettaglio dei due studi presentati dall’Oms al Congresso europeo sull’obesità che si è svolto a Glasgow, nel Regno Unito, dal 28 aprile al 1 maggio scorsi e i cui risultati sono stati anticipati in sintesi dall’Istituto superiore di sanità, secondo cui i progressi nell’affrontare la crisi dell’obesità infantile sono stati lenti e incoerenti in tutta la regione.

“Più a lungo un bambino viene allattato al seno, maggiore è la sua protezione dall’obesità. Questa conoscenza può rafforzare i nostri sforzi nella prevenzione dell’obesità. Agire sull’obesità infantile – compresa l’obesità grave – può avere grandi benefici, non solo per la salute e il benessere dei bambini, ma anche per i sistemi sanitari nazionali, quindi dobbiamo fare tutto il possibile per promuovere e proteggere l’allattamento in tutta la Regione”, ha detto Bente Mikkelsen, direttore della divisione delle malattie non trasmissibili e promozione della salute attraverso il corso di vita, Oms/Europa.

L’obesità grave nei bambini è associata a risultati cardiovascolari, metabolici e negativi immediati ea lungo termine. Confrontando i bambini sovrappeso con quelli con obesità grave, questi ultimi presentano un profilo del fattore di rischio cardio-metabolico molto peggiore. Secondo il nuovo studio dell’Oms, “Prevalenza dell’obesità grave tra i bambini delle scuole primarie in 21 paesi europei”, l’obesità grave colpisce quasi 400 000 dei circa 13,7 milioni di bambini di età compresa tra 6 e 9 anni che vivono nei 21 paesi partecipanti.

Questo studio è il primo che indaga la prevalenza dell’obesità grave nei bambini in età scolare. L’obesità grave è un problema serio di salute pubblica e i risultati di questo studio dimostrano che un gran numero di bambini nella regione europea ne soffre. Dato il suo impatto sull’istruzione, sulla salute, sull’assistenza sociale e sull’economia, il nuovo rapporto sottolinea che l’obesità deve essere affrontata attraverso una serie di approcci, dalla prevenzione alla diagnosi precoce e al trattamento.

Il numero totale di bambini tra i 6-9 anni inclusi nell’analisi è stato di 636.933 (323.648 maschi e 313.285 femmine).

Il Belgio ha avuto il maggior numero di bambini inclusi nell’analisi (quasi 400.000), seguiti dall’Italia (quasi 100.000) e dalla Slovenia (oltre 50.000).  Per gli altri paesi, le dimensioni del campione e il numero di bambini inclusi erano molto più bassi – circa 10.000 o meno. 

Ci sono state grandi differenze nella prevalenza dell’obesità grave tra i paesi partecipanti. Secondo la definizione dell’Oms, la prevalenza dell’obesità grave variava dall’1,0% nei bambini svedesi e moldavi al 5,5% nei bambini maltesi.

I paesi dell’Europa meridionale (Grecia, Malta, Italia, Spagna e San Marino) hanno avuto i più alti livelli di obesità grave, superiore al 4%.
Nei paesi dell’Europa occidentale e settentrionale, come Belgio, Irlanda, Norvegia e Svezia, la prevalenza era inferiore al 2%.
Un livello altrettanto basso è stato riscontrato anche in Lettonia e Lituania.

In altri paesi dell’Europa centrale e orientale (come Albania, Bulgaria, Repubblica ceca, Ungheria, Moldova, Romania, Slovenia e Repubblica di Macedonia) è emerso un quadro più eterogeneo con valori di prevalenza compresi tra 1 e 4%. Mentre in Bulgaria e Repubblica di Macedonia la prevalenza dell’obesità grave era simile ai paesi dell’Europa meridionale (4,0 e 4,4%, rispettivamente), la Moldavia e l’Albania avevano valori tra i più bassi (rispettivamente 1,0 e 1,2%).

La prevalenza basata sulla definizione dell’Oms era molto più alta nei ragazzi che nelle ragazze. Nella maggior parte dei paesi che mostravano differenze statisticamente significative per sesso, i valori di prevalenza nei maschi erano più del doppio di quelli tra le ragazze.

Applicando le stime di prevalenza basate sulla definizione dell’Oms a tutta la popolazione di bambini di età compresa tra 6-9 anni in ciascun paese, ci si aspetta che circa 398.000 bambini siano gravemente obesi nei 21 paesi europei.

Il modello di obesità grave tra i paesi è stato in linea con quello dell’obesità e del sovrappeso: nei paesi con una maggiore prevalenza di sovrappeso e obesità, l’obesità grave tendeva anche ad essere più elevata.
In molti paesi 1 su 4 bambini con obesità erano gravemente obesi. Il quadro è stato anche peggiore in Bulgaria, a Malta e nella Repubblica di Macedonia, dove era 1 su 3. Al contrario, nei paesi colpiti da livelli più bassi di obesità grave, meno del 20% dei bambini obesi erano gravemente obesi.

I modelli hanno mostrato che i bambini italiani, portoghesi e sloveni avevano più probabilità di essere gravemente obesi nel 2007/2008 rispetto agli anni seguenti della raccolta dati COSI (Childhood Obesity Surveillance Initiative).

Al contrario, le probabilità leggermente più alte di obesità grave sono state valutate per il Belgio, anche se i loro valori sono rimasti bassi. Per quanto riguarda Bulgaria, Grecia, Lituania, Lettonia e Spagna, le differenze non erano statisticamente significative.

L’analisi non ha identificato un’associazione tra gruppi di età e obesità grave tra bambini greci, sloveni e spagnoli. In Italia, a 9 anni i bambini erano a rischio più basso rispetto ai bambini di 8 anni; mentre in Belgio i bambini di età compresa tra 7 e 9 anni presentavano un rischio maggiore rispetto ai bambini di 6 anni.

Infine, l’associazione tra obesità grave e livello di istruzione delle madri dei bambini è stata valutata per 8 paesi. L’obesità grave era generalmente più comune tra i bambini il cui livello di istruzione della madre era basso o medio rispetto a quelli con istruzione superiore.

Il secondo studio, “Associazione tra caratteristiche alla nascita, l’allattamento al seno e l’obesità, in 22 paesi”ha rilevato che, nonostante il flusso costante di prove di ricerca che mostrano i benefici per la salute derivanti dall’allattamento al seno, insieme a numerose iniziative politiche volte a promuovere pratiche ottimali di allattamento al seno, l’adozione di l’allattamento al seno esclusivo nella regione europea rimane al di sotto del livello raccomandato globale.

L’Oms raccomanda l’allattamento al seno esclusivo per i primi 6 mesi di vita. Successivamente, i bambini dovrebbero ricevere alimenti complementari nutrizionalmente adeguati con un continuo allattamento al seno fino a 2 anni o oltre.
“La promozione dell’allattamento al seno offre una finestra di opportunità per la politica di prevenzione dell’obesità per rispondere al problema dell’obesità infantile nella Regione europea. Le politiche nazionali esistenti per promuovere le pratiche di allattamento al seno e come queste politiche sono sviluppate possono portare alcuni paesi a ottenere più o meno successo nella lotta all’obesità “, ha affermato Joao Breda, capo dell’ufficio europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie non trasmissibili dell’Oms, che ha anche ha guidato l’iniziativa WHO Childhood Obesity Surveillance Initiative (COSI). 

COSI è stato istituito più di 10 anni fa per stimare la prevalenza e monitorare i cambiamenti in sovrappeso e obesità nei bambini di età compresa tra 6-9 anni. Da allora, ci sono stati 5 cicli di raccolta di dati in più di 40 paesi e tra più di mezzo milione di bambini.

Lo studio ha dimostrato che, in quasi tutti i paesi, oltre il 77% dei bambini è stato allattato al seno; ma c’erano alcune eccezioni: in Irlanda il 46% dei bambini non veniva mai allattato al seno, in Francia il 38% e a Malta il 35%. Solo 4 paesi su 12 avevano una prevalenza dell’allattamento al seno esclusivo (per 6 mesi o più) del 25% o più: Tajikistan (73%), Turkmenistan (57%), Kazakistan (51%) e Georgia (35%).

In totale 100.583 bambini sono stati coinvolti nello studio tra i 156.181 invitati a partecipare al 4 ° turno COSI in 22 paesi europei. Il Turkmenistan ha avuto il più alto tasso di partecipazione infantile (96,7%) e l’Irlanda il più basso (56,6%). Come previsto, il tasso medio di partecipazione familiare era inferiore (78,8%) rispetto al tasso medio di partecipazione infantile (85,1%), ed era più alto in Italia e Turkmenistan (circa il 95%) e più basso in Danimarca (29,9%).

Malta ha avuto la più alta percentuale di bambini con basso peso alla nascita (10,2%) e Irlanda la percentuale più alta di bambini con alto peso alla nascita (19,2%) e anche la più alta percentuale di bambini che non sono mai stati allattati al seno (46,2%). Il Tagikistan ha la più alta percentuale di bambini allattati al seno per 6 mesi e oltre (94,4%) o allattati esclusivamente per 6 mesi e oltre (73,3%), mentre in Francia, Irlanda e Malta solo circa 1 bambino su 4 è stato allattato almeno per il 6 mesi.

Tra i 22 paesi coinvolti nello studio, la più alta prevalenza di obesità è stata osservata in Spagna (17,7%), seguita da Malta (17,2%) e Italia (16,8%).
L’Italia e Malta hanno mostrato la più alta prevalenza di obesità tra i bambini che non sono mai stati allattati al seno (21,2%), seguita dalla Spagna (21,0%). 

A eccezione di Francia, Irlanda e San Marino, tutti i paesi hanno mostrato una maggiore prevalenza di obesità tra i bambini che non sono mai stati allattati al seno e / o che sono stati allattati al seno per meno di 6 mesi rispetto a quelli che sono stati allattati al seno per più di 6 mesi. Dei 22 paesi, 13 paesi hanno mostrato differenze statisticamente significative nella prevalenza dell’obesità tra le categorie di durata dell’allattamento al seno.

Per quanto riguarda l’associazione tra obesità e caratteristiche alla nascita, l’analisi aggregata ha rivelato maggiori probabilità di essere obesi in caso di parto pretermine. Un basso peso alla nascita era associato a un rischio minore di essere obesi, mentre un peso alla nascita elevato era associato a un rischio leggermente maggiore.

A livello di paese, 6 paesi hanno mostrato che i bambini pretermine alla nascita presentavano un rischio maggiore di essere obesi rispetto ai bambini che erano neonati a termine (Bulgaria, Croazia, Francia, Italia, Polonia e Romania).
I bambini con basso peso alla nascita avevano meno probabilità di essere obesi in 6 paesi (Bulgaria, Francia, Italia, Polonia, Portogallo e Romania). Al contrario, in 11 dei 22 paesi, l’elevato peso alla nascita era associato a probabilità elevate di essere obesi (valori aggiustati che vanno da 1,34 in Spagna a 2,52 in Turkmenistan).

I dati provenienti da Bulgaria, Croazia, Francia, Italia, Polonia e Romania hanno dimostrato che i bambini pretermine alla nascita presentavano un rischio maggiore di essere obesi rispetto ai bambini che erano neonati a termine.
Secondo lo studio, le pratiche di allattamento al seno nella regione sono inferiori alle raccomandazioni dell’Oms per una serie di motivi, tra cui politiche inefficienti per incoraggiare l’allattamento al seno, mancanza di preparazione degli operatori sanitari per sostenere l’allattamento al seno, commercializzazione intensiva di sostituti del latte materno e problemi legislativi sulla protezione della maternità.

02 maggio 2019
© Riproduzione riservata

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *