http://www.quotidianosanita.it/

Puglia. Bilancio di previsione, 9 mln di euro in più per la sanità

, ,

Tra i primi articoli approvati al disegno di legge relativo all’assestamento e variazioni al bilancio di previsione per l’esercizio finanziario 2019 e pluriennale 2019-2020 anche l’incremento sino alla concorrenza di 1 milione di euro della dotazione finanziaria destinata all’assistenza domiciliare ai malati oncologici e lo stanziamento di 4 milioni di euro in più per finanziare le borse di formazione medica specialistica.

27 NOV – Il Consiglio regionale della Regione Puglia ha approvato ieri i primi articoli del disegno di legge relativo all’assestamento e variazioni al bilancio di previsione per l’esercizio finanziario 2019 e pluriennale 2019-2020.

Tra le principali misure adottate di interesse sanitario, lo stanziamento di 9 milioni di euro quali risorse aggiuntive a favore del S.S.R.. destinate ad investimenti sostenuti dalle Asl.

Su proposta dell’assessore al bilancio Raffaele Piemontese, è stato incrementato sino alla concorrenza di 1 milione di euro la dotazione finanziaria destinata ad assicurare la continuità assistenziale domiciliare a favore dei malati oncologici che presentava inizialmente uno stanziamento di 200.000 euro. “L’incremento, votato anche dai consiglieri delle opposizioni, ha assorbito la disponibilità delle somme destinate a coprire le spese impreviste. Contestualmente la maggioranza ha deciso di rinunciare a tutti gli emendamenti di spesa presentati”, spiega l’ufficio stampa del Consiglio in una nota.

E’ stato incrementato di 4 milioni di euro il finanziamento dei contratti per la formazione medica specialistica, al fine di aumentare le possibilità di accesso ai medici alle Scuole di specializzazione di area sanitaria delle Università pugliesi, “per rispondere più efficacemente al fabbisogno regionale di medici specialisti”. L’incremento avverrà anche per i prossimi due esercizi finanziari.

27 novembre 2019
© Riproduzione riservata

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *